Archivio per Categoria NEWS

BONUS TRASPORTI PUBBLICI

Gentili clienti,
con la presente segnaliamo che il Ministero del Lavoro, nell’ambito della recente misura “bonus trasporti” ha previsto un bonus rivolto a famiglie, studenti, lavoratori e pensionati, che consiste in un contributo per acquistare un abbonamento per l’utilizzo di mezzi di trasporto pubblici su gomma e su ferro.

Il bonus, che non può superare l’importo di 60 euro, può essere richiesto da persone fisiche con un reddito entro i 35mila euro.

Il bonus deve essere utilizzato, acquistando un abbonamento, entro il mese solare di emissione

CIRCOLARE 02/04/2022

IL BONUS LUCE E GAS: REQUISITI E DOMANDA

Il bonus luce e gas si sostanzia in uno sconto applicato direttamente in bolletta. Il diritto ad averlo dipende dal valore ISEE del nucleo familiare. In particolare, il beneficio spetta a:

  • tutti i nuclei familiari con ISEE non superiore a 8.265 euro (novità – ISEE innalzato a 12.000 euro dal 1° aprile 2022 al 31 dicembre 2022)
  • nuclei familiari numerosi (almeno 4 figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro
  • percettori di reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza
  • malati gravi che devono utilizzare delle apparecchiature salvavita (bonus disagio fisico)

Per averlo è sufficiente avere un ISEE in corso di validità. Infatti, dal 1° gennaio 2021 tutti i cittadini/nuclei familiari che presentano annualmente una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per l’accesso ad una prestazione sociale agevolata (es.: assegno di maternità, mensa scolastica, bonus bebè, ecc.) e che risultano in condizione di disagio economico, sono automaticamente ammessi al procedimento per il riconoscimento del bonus senza necessità di presentare alcuna domanda.
Per chi già ha il bonus è sufficiente rinnovare l’ISEE se non ancora fatto.

LO STUDIO E’ A DISPOSIZIONE PER PREDISPORRE L’ISEE

CIRCOLARE 02/04/2022

NOVITA’ FINE STATO DI EMERGENZA

Green pass
Il DL 24 Marzo 2022 n. 24 prevede una graduale eliminazione del green pass base e rafforzato.

Dall’1 aprile non sarà più necessario il Green pass, né quello super né quello base, per accedere in banca, alle poste o negli uffici pubblici;
Stessa cosa in negozi e centri commerciali, dove non servirà più la certificazione verde. Sia nei negozi che negli uffici pubblici basterà indossare la mascherina chirurgica.

Bar e ristoranti
Per consumare al chiuso, al banco o seduti al tavolino, dall’1 aprile in bar e ristoranti sarà sufficiente esibire il Green pass base (quello che si ottiene cioè con un tampone e che dura 48 ore). Green pass base necessario anche per accedere alle mense. Via il Green pass, anche quello base, invece, se ci si siede ai tavolini all’aperto di bar e ristoranti.

Per parrucchieri, barbieri, saloni di bellezza e centri estetici non sarà più richiesto il Green Pass
Per tutte queste categorie ovviamente restano gli obblighi a carico dei dipendenti

Accesso ai luoghi di lavoro
Fino al 30 Aprile 2022 per l’accesso ai luoghi di lavoro tutti i lavoratori (compresi gli over 50) devono possedere il green pass base.

Resta valido fino al 31 Dicembre 2022 l’obbligo vaccinale con la sospensione dal lavoro per gli esercenti le professioni sanitarie e i lavoratori degli ospedali e della RSA.  

RIEPILOGO
Green pass base
 
Dal 1° al 30 Aprile 2022 è consentito sull’interno territorio nazionale esclusivamente ai soggetti muniti di green pass base (certificazione verde ottenuta da vaccinazione, guarigione o test) l’accesso ai seguenti servizi e attività: Mense e catering continuativo su base contrattuale; Servizi di ristorazione svolti al banco o al tavolo, al chiuso, da qualsiasi esercizio, ad eccezione dei servizi di ristorazione all’interno di alberghi e di altre strutture ricettive riservati esclusivamente ai clienti ivi alloggiati; Concorsi pubblici; Corsi di formazione pubblici e privati (sono compresi i corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro); Partecipazione del pubblico agli spettacoli aperti al pubblico, nonché agli eventi e alle competizioni sportivi che si svolgono all’aperto; Utilizzo di mezzi di trasporto pubblici (a lunga percorrenza).
Al contrario, cade l’obbligo di green pass per i servizi di ristorazione all’aperto, per i mezzi di trasporto pubblico locale
o regionale e per l’accesso ai servizi alla persona, ai pubblici uffici, ai servizi postali, bancari e finanziari e alle attività commerciali.  

Green pass rafforzato
Dal 1° al 30 Aprile 2022 è consentito sull’intero territorio nazionale esclusivamente ai soggetti muniti di green pass rafforzato (certificazione verde ottenuta da vaccinazione o guarigione) l’accesso ai seguenti servizi e attività: Centri benessere (anche all’interno di strutture ricettive); Sale gioco e scommesse; Discoteche; Cinema e teatri; Piscine, palestre, spogliatoi al chiuso (anche all’interno di strutture ricettive); Congressi e convegni; Eventi sportivi al chiuso; Centri culturali, sociali e ricreativi (esclusi i centri ricreativi per l’infanzia); Feste e cerimonie al chiuso; Accesso ai locali delle scuole e delle università per tutto il personale scolastico del sistema nazionale di istruzione e delle scuole non paritarie e quello universitario.  

Smart working
È stato prorogato fino al 30 Giugno 2022 il ricorso al lavoro agile semplificato o emergenziale, che non richiede gli accordi individuali previsti dalla Legge 81/2017.
Mascherine di protezione

Fino al 30 Aprile 2022, è obbligatorio indossare le mascherine FFP2
Per l’accesso ai mezzi di trasporto (aerei, treni, autobus, servizi di noleggio con conducente, impianti di risalita); Per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso o all’aperto in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, eventi e competizioni sportive.  

Sempre fino al 30 Aprile 2022 è obbligatorio indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie in tutti i locali al chiuso, ad esclusione delle abitazioni private. Per sale da ballo, discoteche e locali assimilati, al chiuso, l’obbligo vige ad eccezione del momento del ballo. Si ricorda che fino al 30 Aprile 2022 le mascherine chirurgiche sono considerati dispositivi di protezione individuale per i lavoratori.  

CIRCOLARE 21/03/2022

MISURE A SOSTEGNO DI IMPRESE E CITTADINI

Per fronteggiare gli effetti della crisi ucraina è in arrivo un decreto contenente diverse misure a sostegno di imprese e cittadini. Il testo, non ancora definitivo, dovrebbe contenere i seguenti provvedimenti:

  • Riduzione delle aliquote di accisa sulla benzina e sul gasolio impiegato come carburante per autotrazione;
  • Bonus carburante ai dipendenti;
  • Contributo, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica;
  • Contributo, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese per l’acquisto di gas naturale
  • Rateizzazione delle bollette per i consumi energetici;
  • Disposizioni in materia di integrazione salariale;
  • Riduzione pedaggi;
  • Fondo per il sostegno del settore dell’autotrasporto.

CIRCOLARE 07/02/2022

DOTE SPORT

La Dote Sport è un rimborso in denaro – integrale o parziale – delle spese sostenute dalle famiglie nell’anno sportivo 2021/2022 per l’attività sportiva dei propri figli minori, di età compresa tra 6 anni e 17 anni compiuti o da compiere entro il 31 dicembre 2022, il cui valore potrà variare da un minimo di 50 euro a un massimo di 200 euro

La Dote Sport 2021 è destinata ai nuclei familiari:

  • in cui almeno uno dei due genitori (o tutore/genitore affidatario), sia residente in modo continuativo da almeno 5 anni in Lombardia, alla data di scadenza del Bando (15/03/2022);
  • che alla presentazione della domanda siano in possesso di un indicatore ISEE non superiore a € 20.000,00 o non superiore a € 30.000,00, nel caso di nuclei familiari in cui è presente un minore diversamente abile

Al termine della compilazione della domanda di partecipazione, il soggetto richiedente dovrà provvedere ad inserire a sistema la seguente documentazione:

  • attestazione di pagamento/frequenza sottoscritta dalla associazione/società sportiva;
  • certificato che attesta la disabilità del minore (solo se in famiglia è presente un minore disabile). Tale certificato non sarà richiesto a coloro che lo hanno già presentato nell’ambito del bando Dote Sport 2019, se il documento risulta ancora in corso di validità alla data di presentazione della domanda di Dote Sport 2021.

La domanda per la Dote Sport può essere presentata da:

  • il genitore che convive con il minore;
  • il tutore/genitore affidatario che convive con il minore, in possesso di apposita documentazione legale attestante tale qualifica.

La domanda di Dote Sport deve essere presentata esclusivamente in via telematica
Siamo a disposizione per la compilazione ed invio della pratica

CIRCOLARE 13/01/2022

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE PER I FIGLI

A marzo 2022 prenderà il via l’erogazione dell’Assegno Unico Universale per i Figli (AUUF) che andrà gradualmente a sostituire ed inglobare le precedenti detrazioni fiscali presenti in busta paga/dichiarazione dei redditi e altri sussidi/bonus attualmente previsti, in primis gli ANF (Assegni Nucleo Familiare) che fino al 2021 venivano richiesti ed erogati dall’INPS in busta paga tramite il datore di lavoro.

L’ASSEGNO UNICO viene erogato a fronte di una domanda che deve essere presentata all’INPS e in presenza di figli a carico fino ai 21 anni di età, e viene calcolato sulla base dell’ISEE del nucleo familiare del richiedente la prestazione.


A chi spetta l’Assegno Unico

L’Assegno unico spetta ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana o di un Stato dell’Unione Europea, diritto di soggiorno o di soggiorno permanente, cittadinanza di uno Stato non UE con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, permesso unico di lavoro autorizzato a svolgere un’attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi, permesso di soggiorno per motivi di ricerca autorizzato a soggiornare in Italia per un periodo superiore a sei mesi;
  • residenza fiscale in Italia;
  • residenza o domicilio in Italia;
  • residenza in Italia per almeno due anni anche non continuativi o titolarità di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale.


Per chi spetta l’Assegno Unico


L’AUUF spetta:

  • per ciascun figlio a carico minorenne;
  • per i figli dai 18 ai 21 anni non compiuti; in questo caso è necessario che siano in possesso di uno dei seguenti requisiti:
  • stiano frequentando un corso di formazione scolastica o professionale, un corso di laurea;
  • stiano svolgendo un tirocinio o un’attività lavorativa con reddito complessivo inferiore a 8mila euro annui;
  • risultino disoccupati in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego;
  • stiano facendo il servizio civile universale.
  • per i figli con disabilità a prescindere dall’età e dell’ISEE ma con importi differenti, anche in base alla gravità dell’handicap;
  • per i nuovi nati a partire dal settimo mese di gravidanza

Quanto spetta per l’Assegno Unico

Il valore dell’Assegno unico varia in base all’indicatore ISEE e va da un minimodi 50 euro per ciascun figlio minorenne, con ISEE da 40mila euro in poi, ad un massimo di 175 euro con ISEE non superiore a 15mila euro. Per i figli maggiorenni fino a 21 anni si va rispettivamente da un minimo di 25 euro ad un massimo 85 euro.

In caso di mancata presentazione dell’ ISEE l’importo dell’ASSEGNO UNICO viene calcolato considerando un valore ISEE superiore a 40.000 euro, erogando quindi per ciascun avente diritto l’importo minimo previsto senza alcuna maggiorazione.

Per accedere al sussidio mensile è necessario presentare domanda all’INPS che consentirà di ottenere l’erogazione dell’ASSEGNO UNICO a partire da marzo 2022 fino a febbraio 2023 compreso.

CIRCOLARE 03/01/2022

SUPER BONUS ALBERGHI

Arriva il credito d’imposta dell’80% per gli alberghi, gli agriturismi, i campeggi, le imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, quelli termali, i porti turistici e i parchi tematici.

Il nuovo bonus per le strutture ricettive, turistiche e congressuali è inserito nel decreto legge per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Oltre alla detrazione, ai soggetti beneficiari potrà essere riconosciuto anche un contributo a fondo perduto per un importo che può raggiungere quota 100mila euro.

Gli interventi ammessi
Sono ammessi al bonus all’80% gli interventi per l’incremento dell’efficientamento energetico e quelli di riqualificazione antisismica. Vi rientrano gli interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche.
Sono compresi, se funzionali alla realizzazione dei lavori di efficientamento, antisismici e di eliminazione delle barriere architettoniche, anche la manutenzione straordinaria, il restauro ed il risanamento conservativo, la ristrutturazione edilizia e l’installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulotte, camper, case mobili, etc…

Sono ammesse, inoltre, la realizzazione di piscine termali e le spese per la digitalizzazione, ossia quelle per l’installazione del wi-fi, per la creazione di siti web ottimizzati per il sistema mobile, di programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti. Vi rientrano anche le spese per la pubblicità, la promozione e commercializzazione di servizi e pernottamenti, i servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale, la promozione digitale di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità.

Il bonus dell’80% si applica anche agli interventi avviati dopo il 1° febbraio 2020 e non ancora conclusi al 7 novembre 2021, a condizione che le relative spese siano sostenute a decorrere dalla data dal 7 novembre 2021.

Contributo a fondo perduto
Oltre al credito d’imposta, i soggetti beneficiari possono godere anche di un contributo a fondo perduto per realizzare gli interventi elencati nel paragrafo precedente. I due benefici sono infatti cumulabili.

Il contributo a fondo perduto è riconosciuto per un importo massimo pari a 40mila euro che può essere aumentato anche cumulativamente, fino a 30 mila euro qualora l’intervento preveda una quota di spese per la digitalizzazione e l’innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica di almeno il 15 per cento dell’importo totale dell’intervento.

Possono cumulare una cifra aggiuntiva che può raggiungere i 20 mila euro, le imprese e le società che abbiano i requisiti previsti per l’imprenditoria femminile, per le società cooperative e le società di persone, costituite in misura non inferiore al 60 per cento da giovani, le società di capitali le cui quote di partecipazione sono possedute in misura non inferiore ai due terzi da giovani e i cui organi di amministrazione sono costituiti per almeno i due terzi da giovani, e le imprese individuali gestite da giovani, che operano nel settore del turismo. Per giovani si intendono le persone con età compresa tra i 18 anni e 35 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda.

Divieto di cumulo con altri incentivi
Il bonus all’80% e il contributo a fondo perduto non sono cumulabili con altri contributi, sovvenzioni e agevolazioni pubblici concessi per gli stessi interventi.

Nei primi giorni del 2022, il ministero del Turismo, pubblicherà un avviso contenente le modalità applicative per l’erogazione degli incentivi previsti: Vi teniamo aggiornati

CIRCOLARE 03/01/22

ESTENSIONE DEL SUPER GREEN PASS

Nella serata del 29 dicembre il Cdm ha approvato un primo blocco di misure sulle quarantene e l’utilizzo del Super Green pass.
Per contenere la diffusione della pandemia di Covid-19, il nuovo decreto-legge introduce misure urgenti.


Ecco cosa è stato deciso in merito all’estensione del Green Pass Rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza:
Il super Green Pass diventa obbligatorio:


• in alberghi e strutture ricettive;
• per feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, sagre e fiere, centri congressi;
• per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale, quindi dai treni ai bus fino alle metropolitane;
• servizi di ristorazione all’aperto e impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;
• per l’accesso a piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto, centri culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto
Per il momento non è invece passata la richiesta di chi voleva estendere l’obbligo del Super Green pass anche a tutte le categorie di lavoratori :il provvedimento slitta almeno al prossimo Cdm che potrebbe essere già i primi di gennaio

Segue il testo completo del Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 54

COVID-19, MISURE DI CONTENIMENTO DELL’EPIDEMIA
Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria (decreto-legge)
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria.
Il testo prevede nuove misure in merito all’estensione del Green Pass rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) e le quarantene per i vaccinati.

Green Pass rafforzato
Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass rafforzato alle seguenti attività:
• -alberghi e strutture ricettive;
• -feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
• -sagre e fiere;
• -centri congressi;
• -servizi di ristorazione all’aperto;
• -impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;
• -piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;
• -centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.
Inoltre il Green Pass rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Quarantene
Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo.

Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso.

Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Capienze
Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.

CIRCOLARE 01/01/22

Ieri è stata finalmente approvata la legge di bilancio 2022. Il testo attende ora la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Con l’approvazione diventano operativa le seguenti novità:

• la riforma dell’Irpef attraverso al rimodulazione delle aliquote e delle detrazioni;
• la ridefinizione dei soggetti passivi IRAP con esclusione dal 2022 di tutte le persone fisiche;
• per le detrazioni edilizie: sostanziale proroga di tutti i bonus in precedenza previsti (anche se con alcune modifiche alla disciplina del super bonus del 110%) del bonus facciate (ma con aliquota del 60%) e del bonus mobili e una nuova detrazione per gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
• viene inoltre confermata la deduzione dei costi per ricerca e sviluppo, la cui entità passa dal 90% al 110%;
• confermata la proroga dei bonus fiscali per gli investimenti in beni strumentali e per gli investimenti in innovazione tecnologica 4.0, questi ultimi con alcuni ritocchi al ribasso.
• in tema di riscossione è previsto un maggior termine di 180 giorni per il pagamento delle cartelle notificate sino al 31 marzo 2022;
• in tema di Iva sono previsti ritocchi ad alcune aliquote.
• nell’ambito delle imposte sui redditi sono state previste tra le numerose novità: l’estensione del regime di sospensione degli ammortamenti (solo però a specifiche condizioni).
• sono inoltre prorogati gli incentivi per veicoli elettrici, filtraggio dell’acqua, tv di nuova generazione;
• ulteriori novità di interesse riguardano il settore immobiliare con agevolazioni IMU e tassazione indiretta.

A seguito della pubblicazione in Gazzetta vi terremo informati sulle specifiche novità con circolari dedicate.

CIRCOLARE 12/10/2021

FINANZIAMENTI AGEVOLATI E/O CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO

TRANSIZIONE DIGITALE ED ECOLOGICA
Il bando sostiene le Piccole e Medie imprese che esportano beni all’estero per investimenti di Transizione Digitale ed Ecologica. L’agevolazione si configura come finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto fino al 25% nel limite minore tra 300.000 euro e il 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci.

Sono ammesse spese di Transizione Digitale, per la Sostenibilità e l’Internazionalizzazione per:

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
  • consulenze in ambito digitale
  • disaster recovery e business continuity
  • blockchain
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0
  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia
  • spese per internazionalizzazione
  • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti al finanziamento

FIERE E MOSTRE
Il bando sostiene la partecipazione a una fiera, o mostra, per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia. L’agevolazione si configura come finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto fino al 25% nel limite di 150.000 euro.
Sono ammesse spese per la partecipazione alla fiera/mostre per:

  • spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra (dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate)
  • spese area espositiva
  • spese logistiche
  • spese promozionali
  • spese per consulenza connesse alla partecipazione alla fiera/mostra


E-COMMERCE
Il bando sostiene spese per la creazione e miglioramento di una nuova piattaforma propria oppure l’accesso ad un nuovo spazio/store di una piattaforma di terzi. L’agevolazione si configura come finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto fino al 25% nel limite di 300.000 euro per una piattaforma propria e di 200.000 euro per piattaforme di terzi.
Sono ammesse spese per:

  • creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un market place
  • investimenti per la piattaforma oppure per il market place
  • spese promozionali e formazione relative al progetto