Archivio per Categoria NEWS

CIRCOLARE 11/11/2019

DICHIARAZIONE D’INTENTO: DAL 01-01-2020

NOVITA’ IN TEMA DI FATTURAZIONE, SEMPLIFICAZIONI ED AUMENTO DELLE SANZIONI

La Legge 58/2019 prevede che dal 01-01-2020 gli esportatori abituali non avranno più l’obbligo di consegnare ai propri fornitori la dichiarazione d’intento, nonché la ricevuta di presentazione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate, ma soltanto l’obbligo di invio telematico della dichiarazione d’intento all’Agenzia delle Entrate, che rilascia apposita ricevuta con indicazione del protocollo di ricezione.

Comunque vi dovrà essere una comunicazione da parte dell’esportatore abituale, altrimenti il fornitore non potrà mai sapere come fatturare per l’applicazione della non imponibilità Iva di cui all’art. 8, c. 1, lett. c) D.P.R. 633/1972. Sembra ragionevole ritenere che gli operatori potranno trasferirsi tali informazioni (intento di acquistare in sospensione d’imposta e protocollo di ricezione) nelle modalità che riterranno più semplici e immediate. La disposizione normativa stabilisce che con un successivo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate saranno definite le modalità operative di attuazione.

 

La dichiarazione d’intento potrà riguardare anche più operazioni doganali d’importazione.

 

Come sopra anticipato, nelle fatture emesse nei confronti degli esportatori abituali (ovvero dall’importatore nella dichiarazione doganale) si dovranno indicare gli estremi del protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento rilasciati dall’Agenzia delle Entrate.

 

• La normativa in esame prevede l’abrogazione dell’art. 1, c. 2 del D.L. 29.12.1983, n. 746, e pertanto viene meno:

– l’obbligo di redigere la dichiarazione d’intento in duplice esemplare;

– di numerarla progressivamente dal dichiarante e dal fornitore o prestatore;

– di annotarla entro i 15 giorni successivi a quello di emissione o ricevimento in apposito registro e di conservarla;

– di indicarne gli estremi nelle fatture emesse in base ad essa.

 

Inasprimento delle sanzioni

In sede di conversione, con la sostituzione del comma 4-bis dell’art. 7, D.Lgs. n. 471/97 in caso di cessioni / prestazioni, di cui alla citata lett. c), effettuate senza avere prima riscontrato telematicamente l’avvenuta presentazione all’Agenzia delle Entrate della dichiarazione d’intento, è applicabile la sanzione dal 100% al 200% dell’imposta ex comma 3 del citato art. 7 (in luogo della sanzione da € 250 a € 2.000).

Le nuove disposizioni sopra accennate sono applicabili dall’01-01-2020.

 

fonte: Ratio n. 11 del 2019

CIRCOLARE 22/06/2018

Dal 01/07/2018 divieto di pagamento in contanti delle retribuzioni ed obbligo di fattura elettronica nei sub appalti della Pubblica Amministrazione

 

1) Obbligo di fatturazione elettronica delle prestazioni rese da soggetti sub – appaltatori e sub – contraenti ad appaltatori privati nell’ambito di in un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture con un’Amministrazione Pubblica.

Pertanto per gli appalti e le prestazioni che i Gentili Clienti effettueranno dal 01/07/2018 nei confronti della Pubblica amministrazione (Comuni, Scuole, ecc.), nel caso in cui sub-appalteranno un servizio o una prestazione ad un proprio fornitore, si suggerisce di indicare già nell’eventuale ordine le seguenti indicazioni:

– obbligo di trasmissione della fattura elettronica (F.e.) al posto della fattura cartacea (vietata dal 01/07/2018 per questo tipo di operazione);

– il proprio codice destinatario o indirizzo Pec, su cui ricevere la Fattura elettronica;

– il codice identificativo di gara (Cig) e il codice unico di progetto – Cup ricevuti dalla P.a. e che dovranno essere inseriti nella Fattura elettronica.

 

2) Divieto di corrispondere le retribuzioni in contanti al lavoratore pena l’applicazione di una sanzione da € 1.000 a € 5.000.

 

CIRCOLARE 13/06/2018

Le novità dal 01/07/2018 per il rifornimento di carburante per autotrazione :

La circolare tratta le novità che saranno in vigore dal 01/07/2018 (salvo proroghe nei prossimi giorni) e che di seguito Vi descriviamo sinteticamente:

– abolizione scheda carburante per acquisto benzina e gasolio per autotrazione ed obbligo di emissione della fattura elettronica. Per la ricezione di detto documento digitale da registrare in contabilità, si dovrà fornire al distributore di carburante, oltre ai propri dati anagrafici, anche il proprio indirizzo P.e.c. (Posta elettronica certificata), in assenza di un codice destinatario a disposizione. La targa del veicolo anche se non è elemento obbligatorio (a differenza di quanto accade per la scheda carburante) sarà necessaria fornirla al distributore, in modo che venga inserita nella Fattura elettronica e cosi poter ricondurre la spesa ad un determinato veicolo;

– obbligo di pagamento tracciato (carte di credito, debito, bonifico, ecc.) per avere il diritto alla deduzione del costo ed alla detrazione dell’Iva. Il pagamento in contanti non consente la deduzione e la detrazione.

 

fonte: Ratio

CIRCOLARE 01/02/2018

Legge di bilancio 2018:

 

In data 27.12.2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge di Bilancio per il 2018, che prevede numerose novità per le imprese, lavoratori autonomi, famiglie e privati.

 

Di seguito elenchiamo le più rilevanti :

 

Le principali novità per le imprese e lavoratori autonomi

– Abrogazione scheda carburante dal 01/07/2018;

– Divieto pagamento retribuzioni in contanti dal 01/07/2018;                                                                                 

– Proroga maxi ammortamento al 130% al posto del 140%;                                                                                    

– Proroga iper ammortamento;                                                                                                                        

– Sterilizzazione aliquote 2018;                                                                                                                         

– Estensione fatturazione elettronica dal 01/01/2019 verso tutti i privati;                                             

– Rifinanziamento sabatini ter;                                                                                                                         

– Ssd lucrative;                                                                                                                                                      

– Aumento limite compensi sportivi dilettanti detassato da € 7.500 a € 10.000;                                                  

– Riqualificazione alberghi;                                                                                                                                               

– Differimento ISA e IRI  al 2019;                                                                                                       

– Nuovo calendario adempimenti fiscali;                                                                                                       

– Agevolazioni settore agricolo; 

– Credito per la ristrutturazione impianti sportivi;                                                                                        

– Credito imposta sulla formazione;

– Credito acquisto plastica riciclata;         

– Bonus creatività;                                                                                                                                                              

– Bonus librerie….

 

Le principali novità per famiglie e privati:

– Proroga detrazione per il recupero edilizio e Risparmio energetico                                                                     

– Bonus mobili ed elettrodomestici                                                                                                                           

– Nuova detrazione sul Bonus verde                                                                                                                               

– Canone RAI a 90 euro                                                                                                                                                           

– Bonus bebé                                                                                                                                          

– Detrazione spese DSA                                                                                                                       

– Polizze calamità naturali                                                                                                                   

– Studenti fuori sede                                                                                                                                                    

– Detrazione per trasporto pubblico                                                                                                                               

– Cedolare secca al 10%                                                                                                                               

– Aumentato il limite di reddito per il Figlio a carico                                                                                                   

– Rivalutazione terreni e partecipazioni                                                                                           

– Bonus strumenti musicali                                                                                                                                         

– Bonus 80 euro                                                                                                                                     

– Tassazione capital gains – dividenti e utili…

 

 

Fonte: La lente sul fisco

 

CIRCOLARE 19/01/2018

Dal 01/07/2018 divieto pagamento retribuzioni in contanti ed abolizione Scheda Carburante

 

RETRIBUZIONI:

Viene stabilito, a decorrere dall’1.7.2018, il divieto di corrispondere le retribuzioni in contanti al lavoratore, a prescindere dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato, pena l’applicazione di una sanzione da € 1.000 a € 5.000.

 

SCHEDA CARBURANTE:

A decorrere dal 01.7.2018, a seguito dell’abrogazione del DPR n. 444/97, è disposta la soppressione dell’utilizzo della scheda carburante per la documentazione degli acquisti di carburante per autotrazione. Gli acquisti in esame presso gli impianti di distribuzione devono essere documentati da fattura elettronica. Ai fini della deducibilità del relativo costo / detraibilità gli acquisti di carburante devono essere esclusivamente effettuati tramite carte di credito, di debito o prepagate.

A favore degli esercenti impianti di distribuzione di carburante è riconosciuto un credito d’imposta pari al 50% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate mediante carte di credito.

 

fonte: la lente sul fisco

CIRCOLARE 17/01/2018

Sacchetti di plastica: i nuovi obblighi e divieti dal 2018 per tutti gli esercenti alimentari e NON

 

Le novità in esame non interessano soltanto i commercianti di generi alimentari ma in generale tutti gli esercizi che utilizzano le borse, sacchetti in esame.

 

Divieto di omaggiare le borse ai clienti:

L’importo del corrispettivo, deciso discrezionalmente dal commerciante, deve essere:

– indicato distintamente nello scontrino o nella fattura;

– va assoggettato ad IVA tramite lo scorporo ovvero la “ventilazione” del corrispettivo.

Pertanto si deve provvedere ad adeguare il registratore di cassa.

L’obbligo in esame non interessa le borse in carta / tessuti di fibre naturali / poliammide o in materiali diversi da polimeri.

 

Caratteristiche delle borse:

Vi raccomandiamo di controllare che le borse che utilizzate e acquisterete siano conformi a quanto disposto dalla nuova normativa, eventualmente chiedendo una dichiarazione scritta da parte del Vostro fornitore.

Si rimanda al sito www.assobioplastiche.org  in merito alle caratteristiche che devono avere le borse:

1) per alimenti sfusi;

2) per il trasporto, biodegradabili;

3) per il trasporto, in plastica tradizionale.

 

Sanzioni:

Le violazioni sono punite con la sanzione da € 2.500 a € 25.000, incrementata di 4 volte del massimo nel caso in cui “la violazione del divieto riguarda ingenti quantitativi di borse di plastica, oppure un valore di queste ultime superiore al 10 per cento del fatturato del trasgressore”, ovvero in presenza di diciture o altri mezzi elusivi degli obblighi.

 

fonte: Assobioplastiche

 

CIRCOLARE 16/01/2018

Voucher digitalizzazione: Contributo a fondo perduto per gli investimenti in digitalizzazione (acquisto di computer, software, banda larga, consulenze, ecc.)

Entro il prossimo 09/02/2018 occorre presentare la domanda per poter usufruire del contributo in oggetto.

In Lombardia sono stati destinati quasi 16 milioni di euro da ripartire tra le imprese che ne faranno richiesta, senza alcuna priorità connessa al momento di presentazione delle domanda.

Vi invitiamo ad approfittare del contributo in oggetto, per rinnovare o potenziare la Vostra infrastruttura informatica anche per rispondere al meglio alle recenti novità normative:

– nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy;

– fatturazione elettronica obbligatoria dal 01/01/2019 verso tutti i soggetti privati.

Lo Studio Seavim rimane a disposizione per ulteriori approfondimenti e per l’assistenza nell’elaborazione della domanda con il relativo progetto informatico.

Non esitate a contattarci.

 

CIRCOLARE 20/12/2017

Notevolmente ridotto il termine per detrarre l’iva nella registrazione delle fatture d’acquisto e le bollette doganali relative alle operazioni effettuate dal 01/01/2017

 

Salvo modifiche in prossimi auspicati interventi legislativi, il Decreto Legge 50/2017 convertito in Legge n. 96/2017 ha sensibilmente ridotto il termine temporale per poter detrarre l’iva sulle fatture di acquisto e bollette doganali relative alle operazioni effettuate dal 01/01/2017.

In sintesi non è piu’ possibile esercitare il diritto alla detrazione Iva in un periodo d’imposta diverso da quello in cui è stata effettuata l’operazione. Pertanto le fatture d’acquisto e le bollette doganali relative alle operazioni del 2017, dovranno essere registrate entro il 31/12/2017 o il 30/04/2018 (se ricevute nei primi quattro mesi del 2018) e l’Iva a credito dovrà confluire nella dichiarazione Iva del periodo d’imposta 2017 (anno in cui è stata effettuata l’operazione ed è quindi sorto il diritto alla detrazione).

Si rimane in attesa dei chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, soprattutto per le istruzioni della gestione delle fatture d’acquisto ricevute e registrate entro il 30/04/2018 e relative ad operazioni effettuate nel 2017.

In conclusione al fine di non perdere il diritto alla detrazione dell’Iva sugli acquisti, si consiglia i Gentili Clienti di effettuare i dovuti controlli e di sollecitare i propri fornitori per l’invio delle fatture non ancora pervenute relative alle operazioni effettuate nel 2017, in modo da registrarle entro il 31/12/2017 o in ultima istanza entro e non oltre il 30/04/2018.

 

CIRCOLARE 05/10/2017

L’Agenzia delle Entrate chiede via P.e.c. (Posta elettronica certificata) il pagamento degli omessi versamenti Iva dopo 2 mesi dalla scadenza

Ricordando ai gentili Clienti come è fondamentale controllare la P.e.c. (Posta elettronica certificata) quotidianamente, in quanto le comunicazioni ricevute hanno il valore legale di una raccomandata al momento della data di ricevimento e non di lettura.

Si comunica che, in questi giorni, l’Agenzia delle Entrate sta notificando via P.e.c. gli avvisi bonari relativi al mancato versamento Iva del I trimestre 2017.

Tale tempestività è dovuta grazie alla nuova “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA” inviata telematicamente il 31/05/2017 in cui il contribuente ha comunicato all’Agenzia delle Entrate se è a debito o a credito di Iva nel periodo di riferimento.

Pertanto, mentre fino al 2016, l’Agenzia delle Entrate chiedeva il mancato pagamento Iva dopo circa 14 – 18 mesi dalla scadenza del versamento e durante questo lasso di tempo il contribuente poteva regolarizzare il mancato versamento Iva tramite l’istituto del ravvedimento operoso, ovvero con il pagamento dell’importo omesso più una piccola sanzione, adesso il Fisco:

– dopo circa 2 mesi dalla scadenza del versamento, invita via P.e.c. il contribuente a regolarizzare il mancato versamento Iva tramite l’istituto del ravvedimento operoso;

– dopo circa 4 mesi dalla scadenza del versamento, invia via P.e.c. al contribuente l’avviso bonario con l’importo omesso e la sanzione del 10% e pertanto non si potrà più procedere con il ravvedimento operoso. Se entro 30 giorni dal ricevimento del suddetto avviso l’importo non viene pagato o rateizzato (in 8 rate trimestrali per importi fino a 5 mila euro o in 20 rate trimestrali per importi superiori a 5 mila euro), verrà attivata la riscossione coattiva con un ulteriore aggravio di sanzioni, interessi ed aggi.

Nel caso di ricevimento delle suddette Comunicazioni via P.e.c. da parte dell’Agenzia delle Entrate si invitano i Gentili Clienti a prendere contatto immediatamente con lo Studio Se.av.im. al fine di trovare una soluzione tempestiva.

In conclusione, il Governo sta giustificando l’introduzione delle suddette misure e di altri adempimenti a carico dei contribuenti al fine di ridurre l’evasione Iva in Italia, tra i più alti in Europa, e che si riportano brevemente di seguito:

– riduzione tempi di riscossione Iva, come sopra specificato;

– invio telematico Comunicazione liquidazioni periodiche IVA quattro volte l’anno;

– invio telematico della Comunicazione dati fatture (c.d. spesometro) quattro volte l’anno;

– riduzione dei tempi per la detrazione dell’Iva sugli acquisti;

– obbligo del visto di conformità per utilizzo in compensazione dei crediti Iva sopra i 5 mila euro.

CIRCOLARE 12/07/2017

Novità: prestazioni di lavoro occasionale (Nuovi Voucher) con molti limiti e più costosi rispetto al passato – operativa la piattaforma Inps

 

Contratto di prestazione occasionale (INPS, Circolare n. 107 del 5 luglio 2017 – L. 96/2017 in vigore dal 24/06/2017 di conversione del DL 50/2017)

Con la presente circolare si descrivono sinteticamente le caratteristiche del Contratto di prestazione occasionale (Nuovi Voucher) con molti limiti e più costosi rispetto al passato.

Categoria utilizzatore (datore di lavoro):

A differenza del Libretto di famiglia (destinato alle famiglie e privati), il Contratto di prestazione occasionale è rivolto a professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori, associazioni, fondazioni ed altri enti di natura privata, pubbliche amministrazione.

Limiti dimensionali, economici ed oggettivi/soggettivi da rispettare (ad esclusione delle pubbliche amministrazioni):

1) Limite dimensionale dell’utilizzatore (datore di lavoro): massimo 5 dipendenti a tempo indeterminato nel semestre che va dall’ottavo al terzo mese antecedente la data dello svolgimento della prestazione lavorativa occasionale.

2) Limiti economici, tutti riferiti all’anno civile di svolgimento della prestazione lavorativa:

  1. a)   per ciascun prestatore (lavoratore), con riferimento alla totalità degli utilizzatori (datore di lavoro), possono percepire compensi di importo complessivamente non superiore a 000 euro;
  2. b)   per ciascun utilizzatore (datore di lavoro), con riferimento alla totalità dei prestatori (lavoratori), possono erogare compensi di importo complessivamente non superiore a 000 euro;
  3. c)   per le prestazioni complessivamente rese daogni prestatore (lavoratore) in favore del medesimo utilizzatore (datore di lavoro), possono percepire compensi di importo non superiore a 500 euro.

Detti importi sono riferiti ai compensi percepiti dal prestatore, ossia al netto di contributi, premi assicurativi e costi di gestione.

3) Limiti oggettivi/soggettivi

Vietato ricorrere al contratto di prestazioni occasionali:

  1. a)   da parte delle imprese dell’edilizia e di settori affini;
  2. b)   nell’ambito dell’esecuzione di appalti di opere o servizi;
  3. c) in agricoltura, in certi casi;
  4. d) da parte di lavoratori con i quali l’utilizzatore (datore di lavoro) abbia in corso o abbia avuto nei 6 mesi precedenti un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa.

Costi minimi a carico dell’utilizzatore (datore di lavoro):

La misura del compenso è fissata dalle parti, purché non inferiore al livello minimo, stabilito dalla legge in € 9,00 per ogni ora di prestazione lavorativa. Inoltre, l’importo del compenso giornaliero non può essere inferiore alla misura minima fissata per la remunerazione di quattro ore lavorative, pari a € 36,00, anche qualora la durata effettiva della prestazione lavorativa giornaliera sia inferiore a quattro ore.

In relazione al compenso minimo orario di € 9,00, si applicano i seguenti oneri a carico dell’utilizzatore:

– € 2,97 (INPS ivs), il 33% del compenso netto;

– € 0,32 (INAIL), il 3,5% del compenso netto;

– € 0,09, a titolo di oneri di gestioni, l’1,0% del compenso netto.

Profili sanzionatori e regolarizzazioni:

In caso di superamento da parte di un utilizzatore (diverso da PA) dei limiti di importo sopra elencati, oppure nel caso di prestazioni di durata complessiva superiore a 280 ore nell’arco dello stesso anno civile, il rapporto si trasforma in lavoro subordinato a tempo pieno ed indeterminato.

In caso di violazione dell’obbligo di comunicazione, invece, si applica la sanzione pecuniaria da 500 a 2.500 euro per ogni prestazione lavorativa giornaliera per cui risulta accertata la violazione.

Comunicazioni e gestione dei pagamenti:

Almeno sessanta minuti prima dell’inizio dello svolgimento della prestazione lavorativa, l’utilizzatore, tramite la piattaforma informatica INPS o avvalendosi dei servizi di contact center messi a disposizione dall’INPS, è tenuto a fornire le seguenti informazioni:

–      i dati identificativi del prestatore;

–      la misura del compenso pattuita;

–      il luogo di svolgimento della prestazione lavorativa;

–      la data e l’ora di inizio e di termine della prestazione lavorativa;

–      il settore di impiego del prestatore;

–      altre informazioni per la gestione del rapporto di lavoro.

Al fine di poter ricorrere alle prestazioni di lavoro occasionale è necessario che l’utilizzatore abbia preventivamente alimentato il proprio portafoglio telematico tramite F24 o con pagamento elettronico.

Il compenso al prestatore verrà pagato dall’Istituto entro il giorno 15 del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione.